22 Giugno 2022
LA CAMPAGNA SOFFRE TRA SICCITA’, GRANDINATE E INSETTI.

22 Giugno 2022 E’ in corso la verifica dei danni dopo la violenta grandinata avvenuta ieri sera sul Portogruarese nella fascia di terra che comprende le località di Annone Veneto, Pravisdomini, Pradipozzo, Summaga, Pramaggiore, Cintocaomaggiore. Sono scesi 30mm d’acqua ma a far danni sono stati i chicchi di ghiaccio che hanno colpito viti, soia, mais, sorgo e barbabietole già in uno stato di stress a causa della drammatica siccità che non sta lasciando scampo in questo periodo.

“Non c’è pace in questa stagione complicata- afferma Andrea Pegoraro presidente di Coldiretti Portogruaro mentre sta facendo il giro della campagna per verificare i danni sulle diverse produzioni- Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici con eventi estremi e una tendenza alla tropicalizzazione che procura frequenti manifestazioni violente. A cambiare è anche la dimensione dei chicchi, che risulta essere aumentata considerevolmente negli ultimi anni con la caduta di veri e propri blocchi di ghiaccio, anche più grandi di una palla da tennis. Questi fenomeni devastano le produzioni”.

 

Un panorama rovente che alterna bufere improvvise che non risolvono il fabbisogno idrico – sottolinea il direttore di Coldiretti Venezia Giovanni Pasquali-   le temperature sono nel nostro territorio ben oltre i 35 gradi con le falde sempre più basse, i campi arsi dove i raccolti bruciano sui terreni senz’acqua facendo esplodere i costi per le irrigazioni di soccorso per salvare le colture assetate  e per l’acquisto del cibo per gli animali con i foraggi bruciati dal caldo.

E non è finita qui, infatti arrivano dal territorio veneziano segnalazioni del proliferare della cimice asiatica. La vespa samurai sta producendo  i suoi effetti di contenimento ma come per tutti i metodi di lotta biologica servono anni per vedere i risultati tangibili. Le popolazioni devono trovare gli equilibri, le cimici sono ancora numerose visto che l’azione della vespa samurai si assesta al di sotto del 20% delle ovature. Tutti i metodi aggiuntivi dai presidi sanitari alla cattura massale sono necessari per riuscire a debellare dall’inizio il fenomeno che nell’anno passato è stato notevolmente ridimensionato naturalmente. Le condizioni climatiche agevolano lo sviluppo anomalo di questo insetto che colpisce ortaggi e frutteti all’inizio di un’estate che arriva dopo un mese di maggio che si è classificato il secondo più caldo di sempre, con una temperatura di 1,83° superiore alla media climatica dal 1800 ad oggi. Una conferma – conclude la Coldiretti – della tendenza all’innalzamento della colonnina di mercurio ormai strutturale in Italia.

IMPLEMENTAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER UTENTI E IMPRESE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Progetto n° 01/SSL/16/VE-03/SSL/21/VE CUP H79J21011180009 Titolo del Progetto: IMPLEMENTAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER UTENTI E IMPRESE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione