22 Maggio 2024
LE CONSEGUENZE DEL MALTEMPO. DANNI INGENTI PER LE COLTIVAZIONI SOTTO SERRA, A CAVALLINO TREPORTI

19 maggio 2024.  Arrivano in queste ore le segnalazioni dagli agricoltori colpiti dal maltempo dei giorni scorsi. Se nella maggior parte delle campagne veneziane, l’acqua che ha allagato centinaia di ettari sta pian piano defluendo, ora ci si trova a fare la conta delle pesanti conseguenze nei campi.

Il maltempo a Cavallino Treporti ha colpito pesantemente a macchia di leopardo, in particolare a Treporti e nelle località di Cà Ballarin e Punta Sabbioni. Danni ingenti per le colture orticole in pieno campo con insalate, pomodoro, zucchine, cipolle e patate in stato di marcescenza a causa dell’abbondante acqua. Sotto le serre invece, dove gli agricoltori del litorale sono abituati a coltivare gli ortaggi con metodi avanzati e ad alta specializzazione, la situazione è drammatica: le piante di pomodoro stanno morendo, lessate dal sole di ieri ed oggi. “ Le piogge abbondanti dei giorni scorsi- spiega Matteo Gatto segretario coldiretti della zona di Cavallino Treporti- hanno creato un eccesso di umidità dentro le serre, rendendo difficile l’evaporazione, tanto che il sole delle ultime ore ha fatto effetto sulle colture, cucinandole. Inoltre l’umidità favorisce la diffusione di malattie, ma anche l’ammuffimento delle foglie e la decomposizione di frutti e steli”.

I tecnici di Coldiretti con i colleghi del Consorzio Regionale di Difesa Avversità che si occupa delle assicurazioni in agricoltura, a coltivazioni e strutture aziendali, stanno raccogliendo tutte le segnalazioni per individuare le aree e le coltivazioni maggiormente colpite.
“Si tratta di un momento seriamente difficile - sottolinea il direttore di Coldiretti Venezia Giovanni Pasquali-  le aziende infatti si trovano di fronte ad una perdita di produzione con uno scenario di mancato guadagno o nella migliore delle ipotesi un aumento di  costi che le aziende agricole dovranno sostenere.”

Nelle altre zone della città metropolitana si sta facendo la conta dei danni, molti agricoltori sono costretti a ripetere le operazioni di ripristino dei terreni e successivamente le risemine. Infatti l’unica soluzione è la risemina della stessa o di altre colture. Quando le piogge sono continue e battenti rimuovono dal terreno i semi appena interrati e le piantine giovani.

Il frumento in questa fase ha più resistenza, ma dipende sempre da come proseguirà la stagione. Possiamo ipotizzare una perdita media del 30% delle  principali coltivazioni dopo questi due giorni di maltempo, con percentuali più marcate, per l’appunto su mais, soia e prodotti orticoli come cocomeri, meloni, zucche, zucchine, patate  pomodoro. Le notizie sono sempre in fase di aggiornamento: agli sportelli territoriali di Coldiretti arrivano via via le segnalazioni.

 

IMPLEMENTAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER UTENTI E IMPRESE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Progetto n° 01/SSL/16/VE-03/SSL/21/VE CUP H79J21011180009 Titolo del Progetto: IMPLEMENTAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER UTENTI E IMPRESE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Campagna Amica

Campagna Amica

IMPLEMENTAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER UTENTI E IMPRESE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Progetto n° 01/SSL/16/VE-03/SSL/21/VE CUP H79J21011180009 Titolo del Progetto: IMPLEMENTAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER UTENTI E IMPRESE DELLA PESCA E DELL’ACQUACOLTURA

Campagna Amica

Campagna Amica